Tagliatelle con i Finferli e timo


tagliatelle finferli e timo

Il Cantharellus cibarius è uno dei funghi più conosciuti, più raccolta e più consumata. Si presta bene anche alla conservazione sia sotto aceto che essiccato; in quest’ultimo modo viene utilizzato per condire varie pietanze è proprio per questo è detto anche “il prezzemolo dei funghi”. Si presenta con un cappello piccolo, molto irregolare, ondulato, prima convesso poi piano ed avvallato, con margine rivoluto, liscio, pruinoso e di colore giallo-arancio o giallo-oro. L’imenio ha grosse pieghe, distanti, verrucose, decorrenti sul gambo, dicotome e spesso anastomizzate fra loro, di colore giallo-arancio più vivo del cappello. Il gambo e tozzo, assottigliato alla base e talora molto corto. La carne è soda, bianca, fibrosa, quasi vellutata e giallastra sotto la cuticola. L’odore dopo la cottura è intenso ed aromatico e il sapore dolce e fruttato. Lo si raccoglie in estate-autunno nei  boschi di latifoglie ed aghifoglie in numerosi esemplari disposti a circolo o gruppi nel terreno muschioso.

cart Lista ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di tagliatelle fresche
  • 400 g di funghi finferli freschissimi
  • 50 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • timo fresco
  • sale
  • pepe nero
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio extravergine di oliva
  • mezzo bicchiere di bianco secco

time Tempo di preparazione: 15 minuti

Mettete l’acqua per la pasta a bollire. Pulite i funghi con una spazzolina eliminando ogni residuo di terra, sciacquateli velocemente ed asciugateli delicatamente. Tagliateli grossolanamente ed aggiungeteli in una padella antiaderente nella quale avrete fatto dorate l’aglio. Fate insaporire 2 minuti ed aggiungete il timo fresco tritato finemente, sfumate con il vino e lasciate cuocere per altri 5 minuti. Quando l’alcol sarà evaporato regolate di sale e pepe ed aggiungendo poi la pasta conservando un po di acqua di cottura. Spadellate ed aggiungete il formaggio.

Servite ben calde con un filo d’olio a crudo e un rametto di timo fresco che darà colore, accompagnate da un buon calice di Traminer molto aromatico che potrete usare anche per la sfumatura dei funghi.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi