Spaghetti al nero di seppia e ricotta


spaghetti al nero di seppia con ricotta

Dalle carni magre e povere di colesterolo, la seppia è senz’altro indicata per le diete ipocaloriche anche per il grande potere saziante e la bassissima densità energetica. In questa ricetta, per avvalerci del suo nero, utilizzeremo le seppie fresche. Dobbiamo però essere accorti vista la facile deperibilità a cui sono soggette, verificando il colore del prodotto: infatti le seppie fresche sono generalmente del tutto integre e coperte dal loro inchiostro ma dovremmo riuscire comunque a scorgere una pelle lucida, marrone sul dorso e bianca sul ventre; se appare completamente bianca non è da acquistare poichè tende allo sbiancamento con il tempo ed il calore. Il pallore è quindi direttamente proporzionale al tempo trascorso dal momento della loro morte.

cart Lista ingredienti per 4 persone:

  • 4 seppie fresche di media grandezza (fatele pulire ma assicuratevi che la vescica contenente il nero venga conservata integra)
  • 400 g di speghetti alla chitarra
  • 1 cipolla gialla
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • un pizzico di peperoncino
  • olio extravergine di oliva
  • sale rosa
  • pepe nero

time Tempo di preparazione: 20 minuti

Soffriggere la cipolla tritata finemente in una padella capiente con un filo d’olio, finchè non diventi trasparente. Affettare sottilmente le seppie e le loro code ed unirle alla cipolla; sfumare con il vino bianco alzando la fiamma per consentirne l’evaporazione, aggiungere il peperoncino e il nero. Fate cuocere a fiamma bassa per 15 minuti circa. Salate con parsimonia in quanto il nero è naturalmente sapido.

Scolate la pasta al dente e mantecatela nel sugo. Servite gli spaghetti arricchendo ogni piatto con una knel di ricotta fresca vaccina e una macinata di pepe nero, il tutto accompagnato da un’ottimo calice di Catarratto Siciliano fresco, sapido e dai profumi floreali intensi.

Un primo piatto semplice, molto saporito e un pò diverso dal solito.

 

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi