Sarde alla beccafico


sarde alla beccafico

Le Sarde sono dei pesci diffusi in tutto il Mediterraneo e nelle acque europee dell’oceano Atlantico. Le loro carni sono molto tenere e gustose sono ricche di vitamine, proteine, calcio e selenio;altresì sono ricche di colesterolo, ma la presenza degli o mega tre proteggono  il cuore e i vasi neutralizzando gli effetti negativi dell’ipertrigliceridemia. Fate attenzione a scegliere un prodotto fresco controllando che l’odore sia delicato e gradevole,il corpo deve essere rigido e sodo con aspetto brillante e squame aderenti,il ventre non deve essere gonfio; inoltre le branche devono avere un colorito rosaceo, tendente al rosso e l’occhio sporgente con pupilla nera,non arrossata. Economiche e facilmente reperibili sono un’ottima materia prima.

cart Lista ingredienti:

  • 1 kg di sarde fresche
  • pangrattato
  • 100 g di passolina (o uva passa)
  • 100 g di pinoli
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • alloro fresco
  • prezzemolo fresco
  • 1 limone biologico
  • sale
  • pepe

time Tempo di preparazione: 30 minuti

Pulite e lavate accuratamente le sarde (la vostra pescheria di fiducia può aiutarvi in questo) aprendole a metà ed asciugatele tamponandole con della carta assorbente.

Fate tostare il pane (mullica atturrata) in una padella calda, facendo attenzione a non bruciarlo. Aggiungete la passolina rinvenuta in acqua calda e strizzata bene, i pinoli anch’essi tostati appena, lo zucchero, sale e pepe; unite dell’olio e mescolate bene.

Farcite con  il composto ottenuto le sarde nel centro chiudendole per poi formare un rotolino. Posizionate le sarde in una teglia da forno unta leggermente con dell’olio adagiandole una accanto all’altra posizionando tra i rotolini una foglia di alloro. Condite con il succo di limone, ancora un filo d’olio ed infornate a 180 gradi per 20 minuti circa.

Ideale potrebbe essere utilizzare, a gusto personale, anziché il limone del succo di arancia, che darà un gusto più deciso e caratteristico.

Ottimo antipasto o secondo piatto, servitele tiepide con del prezzemolo tritato finemente e con un bianco fresco di corpo e dai profumi intensi, morbido e di buona struttura come Semidano di Sardegna.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi