Rana pescatrice al Timo


rana-pescatrice-al-timo

Il timo è una pianta aromatica le cui origini sono da ricercare nel Mediterraneo. Già conosciuta ai tempi dell’antica Grecia, questa specie vanta un largo impiego nella cucina come anche nella cosmesi. Meno conosciute sono forse le sue proprietà curative, molto utili per la salute dell’uomo. La sua varietà più diffusa e comune cresce anche in maniera spontanea in Italia e va sotto il nome scientifico di Thymos vulgaris.Il termine timo identifica in realtà circa 300 piante aromatiche appartenti alla famiglia delle Lamiaceae, di cui la Thymos vulgaris è una delle più apprezzate insieme con il timo cedrato o Thymus serpillum. La sua pianta si presenta alta circa 30-50 centimetri con foglie piccole verdi o tendenti al grigio e ricoperte da una fitta peluria, con fiori di color rosa pallido o lilla; molto decorative e profumate da tenere i casa. Molte le proprietà curative riconosciute al timo, tra le quali spiccano senz’altro l’azione disinfettante e quella antinfiammatoria. Riconosciuta come rimedio naturale contro le infezioni già dall’Antica Grecia, questa pianta aromatica trova uno dei suoi più ampi settori di utilizzo nelle malattie respiratorie e nelle affezioni del cavo orale.

cart Lista ingredienti per 4 persone:

  • 1 coda di rospo fresca da 1,5 kg
  • pangrattato
  • 2 spicchi d’aglio
  • timo fresco
  • parmigiano reggiano gratuggiato
  • sale
  • pepe

time Tempo di preparazione: 15 minuti

Lavate ed asciugate la coda di rospo, preferibilmente privata della pelle (per questa operazione fatevi aiutare dal vostro pescivendolo di fiducia).

Preparate la panatura con il pane, un cucchiaio di parmigiano, il timo tritato finemente, l’aglio privato dell’anima e tritato anch’esso finemente, sale, pepe ed un filo d’olio extravergine di oliva.

Oliate leggermente  una pirofila da forno, cospargete con la panatura ed adagiatevi il pesce intero; spolverate con la restante panatura e condite con un’altro filo d’olio.

Infornate a 180 gradi per 30 minuti circa.

Servite se volete con delle patate al forno o delle verdure cotte, con un calice di Greco di Tufo fresco che saprà esaltare questo delicatissimo secondo piatto.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi