Pollo in agrodolce con Miele delle Dolomiti Bellunesi DOP


pollo-agrodolce-con-miele-delle-dolomiti-bellunesi-dop

Il “Miele delle Dolomiti Bellunesi” a Denominazione di origine Protetta viene prodotto nell’intero territorio della Provincia di Belluno, nel cuore delle Dolomiti patrimonio dell’Umanità.
Questa zona alpina è delimitata da imponenti catene montuose che la separano naturalmente dalle province e dalle regioni limitrofe, nonché dall’Austria nel suo confine settentrionale. L’area comprende complessivamente 69 comuni.
La Provincia di Belluno presenta un territorio interamente montano ed è quella più vasta e meno popolata del Veneto. Le caratteristiche pedoclimatiche sono molto varie con una grande ricchezza di boschi e pascoli. Il distretto della Provincia di Belluno, che comprende anche il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi ed il Parco Regionale delle Dolomiti d’Ampezzo, dispone di un vasto territorio che rappresenta il 56% della superficie boschiva della Regione Veneto, con una ricca presenza di essenze vegetali fortemente nettarifere.
La maggior parte degli Apicoltori opera nella Vallate Bellunese e Feltrina, ma molto pregiate sono anche le produzioni dell’Alpago, dell’Agordino, del Cadore, dello Zoldano, del Comelico e dell’Ampezzano. Alcuni produttori operano inoltre in alta quota, producendo un miele particolarmente pregiato, quale il miele di Rododendro.
Il miele prodotto nel bellunese presenta quindi delle caratteristiche che dipendono dalla flora tipica degli ambienti montani e le sue peculiarità, come l’elevata qualità organolettica, il sapore, le diverse proprietà terapeutiche e, soprattutto, la sua genuinità, lo rendono un prodotto molto gradito e richiesto dal consumatore.
A seconda delle diverse specie botaniche che fioriscono scalarmene durante il periodo di produzione, si possono distinguere le seguenti tipologie di “Miele delle Dolomiti Bellunesi DOP”:
Tarassaco, Acacia, Tiglio, Castagno, Rododendro, Millefiori
Il “Miele delle Dolomiti Bellunesi” viene prodotto ed elaborato dall’Apis mellifera a partire dal nettare dei fiori del territorio montano bellunese e presenta caratteristiche qualitative peculiari. Le caratteristiche chimico-fisiche, organolettiche e melisso-palinologiche, infatti, sono strettamente legate alla flora tipica degli ambienti montani anche di alta quota.
In funzione delle differenti specie botaniche che fioriscono scalarmente durante il periodo di produzione e della conseguente origine floreale, si distinguono le seguenti tipologie di “Miele delle Dolomiti Bellunesi”: Millefiori, di Acacia, di Tiglio, di Castagno, di Rododendro e di Tarassaco.
Lo sviluppo di una flora alpina tipica e la larga diffusione di piante arboree ed erbacee di interesse apistico, rendono il territorio bellunese una zona adatta alla produzione di un miele particolarmente pregiato.
L’ecotipo locale di Apis mellifera, adattata alle caratteristiche dell’ambiente montano bellunese, permette di ottenere buone rese di miele.
La bassa pressione antropica (presenza dell’uomo, attività industriali, vie di comunicazione, ecc.) e lo stato di isolamento tipico delle zone di montagna permettono di avere un prodotto di qualità superiore rispetto a quello ottenuto nelle zone di pianura.

cart Lista ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di petto di pollo
  • Miele delle Dolomiti Bellunesi DOP
  • salsa di soia
  • 1 lime
  • 1 limone
  • paprika piccante
  • olio extravergine di oliva
  • pepe

time Tempo di preparazione: 15 minuti

Lavate ed asciugate il pollo e tagliatelo a pezzetti non troppo piccoli; in una ciotola mettete il pollo e conditelo con la salsa di soia (3/4 cucchiai), il miele (1 cucchiaio), la scorza di lime, il succo del limone e un cucchiaino di paprika, mescolate bene, coprite con della pellicola e fate riposare in frigo per 2 ore.

In una padella antiaderente fate imbiondire l’aglio, quindi toglietelo. Unite il pollo marinato  e cuocete, facendo insaporire con la salsa, per circa 15 minuti finchè non sarà ben carammellato.

Servite caldo accompagnato da qualche verdura cotta o con del riso basmati come base, insieme ad un calice di Müller Thurgau fresco.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi