Pastel de nata


pastel-de-nata

Il Pastel de nata è un goloso dolcetto di origine portoghese, le cui prime origini si ritrovano in libri del XVI secolo e la cui ricetta fu poi custodita gelosamente nel silenzio dei monasteri. Il primo riferimento a una ‘tortina al latte’, infatti, si trova in uno storico ricettario portoghese, Infanta Dona Maria (1538-77). Dopo la chiusura dei monasteri a seguito della rivoluzione liberale del XiX secolo, un intraprendente monaco del mosteiro dos Jerónimos de belém cominciò a vendere ad un grande negozio dei pasticcini, che divennero presto noti come pastéis de belém. Nel 1837 l’antica Confeitaria de belém iniziò a produrre i suoi pasteis basandosi sulla ricetta originale di quei monasteri. Si tratta di una pasta sfoglia sottile ripiena di una golosa crema che si usa spolverizzare con dello zucchero a velo e cannella e servita con una bica, ossia un caffè locale simile all’espresso.

cart Lista ingredienti per 12 tortine:

  • 2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare
  • 250 ml di panna liquida fresca
  • 250 ml di latte fresco intero
  • 100 g di zucchero
  • 40 g di farina di grano
  • 4 tuorli
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 limone biologico
  • sale

time Tempo di preparazione: 15 minuti

Mescolate il latte con la panna. In una ciotola versate la farina setacciata ed aggiungete a filo il liquido, unite la scorza del limone, lo zucchero, i semi della stecca di vaniglia ed un pizzico di sale. A parte sbattete i tuorli con la frusta e versateci sopra il composto liquido. Mescolate e cuocete in una pentola a fuoco vivace; dopo 2-3 minuti dall’ebollizione togliete la crema a lasciatela raffreddare.

Nel frattempo tagliate la pasta sfoglia in rettangoli regolari grandi sufficientemente per rivestire gli stampini che utilizzerete per creare i dolcetti.

Imburrate gli stampini, foderateli con un quadrato di pasta sfoglia e versateci in ogniuno la crema. Cuocete a 220 gradi per 15-20 minuti.

Servite a temperatura ambiente con una spolverata di zucchero a velo e cannella, come tradizione vuole.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi