Orzotto con Spugnole secche e champignon


orzotto-con-spugnole-secche-e-champignon

Con il termine comune “spugnola” si indicano i funghi del genere Morchella, circa 15 specie dalla buona commestibilità. Poiché contengono l’acido elvellico è strettamente necessario bollirle o essiccarle prima di consumarle a tavola per distruggere la tossina velenosa. L’aspetto della spugnola è inconfondibile: il gambo è chiaro e liscio ed il cappello (o mitra) ha una forma conica dal colore giallognolo/brunastro con rientranze ed alveoli che ricordano una spugna o il favo di un alveare. La spugnola cresce isolata o in colonie nei prati e nei i boschi di latifoglie, quali pioppo, frassino e olmo, e lungo le golene, quegli spazi piani compresi tra la riva di un corso d’acqua ed il suo argine. Predilige terreni freschi, sabbiosi e riparati dal vento. Data la forma atipica del cappello, pieno di incavi a cellette che ricordano molto la struttura del favo, la spugnola raccoglie molta terra, sabbia e sporcizia. Per questo motivo è importante un’accurata pulizia, magari sotto un getto di acqua corrente.
La spugnola è parecchio ricca anche dal punto di vista nutrizionale e contiene sali minerali, quali potassio e fosforo, magnesio, ferro e vitamina C.

cart Lista ingredienti per 4 persone

  • 300 g di orzo
  • 40 g di Spugnole secche
  • 300 g di funghi champignon
  • 1 cipolla bianca
  • 1 scalogno
  • brodo vegetale
  • prezzemolo fresco
  • una noce di burro
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe
  • parmigiano reggiano grattugiato

time Tempo di preparazione: 20 minuti

Cuocete l’orzo secondo le indicazioni della confezione.

Nel frattempo mettete in acqua calda le spugnole secche e pulite i funghi champignon eliminando la parte finale del gambo e passando un panno umido per eliminare la terra.

In una pentola fate soffriggere la cipolla e lo scalogno tritati finemente. Scolate le spugnole ammorbidite, strizzatele e tagliatele grossolanamente; tagliate anche gli champignon a fette regolari ed aggiungeteli in pentola insieme all’orzo.

Cuocete a fiamma viva per qualche minuto ed aggiungete due tre mestoli di brodo bollente, fino a coprire il tutto. Cuocete per circa 15 minuti continuando a mescolare, aggiungendo brodo se si asciugasse troppo.

A cottura ultimata, regolate di sale e mantecate con burro, parmigiano e del prezzemolo tritato.

Servite caldo con un filo d’olio a crudo, del prezzemolo a guarnire,  ed un calice di St. Julien. Il sapore intenso di questi straordinari funghi vi lasceranno piacevolmente colpiti.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Visitando, scorrendo e continuando la lettura accetti il loro utilizzo. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi